A-Z Blues Poor Boys

Ste Barigazzi (chitarra, armonica e voce) ed Henry Zanni (batteria) sono i Poor Boys, giovani ragazzi – di quelli rari, che non hanno paura di sporcarsi le mani di fango. E’ il loro stesso Blues a raccontarlo; quello dei colli e della campagna reggiana. Sono di quelle persone attratte dalla musica come se fosse un immenso magnete ed è consuetudine vederli sotto ad un palco a cercare di carpire i segreti degli altri musicisti, così com’è sempre stato nel blues, per poi trasformarsi nella natura del loro suono che viene messa a nudo da una chitarra sferragliante e da una batteria sempre incalzante, ovvero tutti gli ingredienti necessari per la migliore formula del tradizionale North Hill Country Blues. Ma anche sui tempi morbidi delle american ballads risultano del tutto convincenti, spaziando da Neil Young, ai Little Feat fino a Bob Dylan. Nel 2013 con l’omonimo EP e, nel 2016, con il nuovo album “Roots”, i Poor Boys sono la prova vivente che il Blues lo si può suonare e vivere in ogni parte del mondo e, soprattutto – in questo caso, a qualsiasi età. Fred McDowell, R.L. Burnside e Junior Kimbrough sarebbero indubbiamente fieri di loro. I Poor Boys sono vincitori del premio “Miglior Esordiente 2013” conferito dalla Kayman Records; del premio “G.M. Awards Junior 2013” conferito dall’associazione culutrale Italian Blues River e del premio “Lorenzo Vecchiato per il Blues” conferito nell’estate 2016 a Treviso.

Per ulteriori info e contatti

Contatti
Per tutte le informazioni sul mondo A-Z Blues compila la form oppure inviaci una email a: info@a-zblues.com
Inserisci il tuo Nome
Inserisci il tuo Cognome
La tua Città
Inserisci una tua email valida alla quale potremo rispondere
Indicaci un tuo recapito telefonico
Scrivici le tue impressioni o quesiti.