Banner-Pierluigi-PetriccaPierluigi Petricca rappresenta il blues delle origini – quello acustico, suonato per le strade, nei piccoli club (che meglio si identificano nei Juke Joint del Deep South americano) e nei festival dedicati – come pochi san fare in Italia. La scelta di una carriera da “busker” rispecchia la filosofia del bluesman di una volta, libero da ogni vincolo (almeno nella musica) e capace di far divertire la gente. Una carriera iniziata studiando i padri del blues che tanto lo hanno influenzato, sia nello stile di vita che nella tecnica chitarristica, come Charley Patton, Blind Lemmon Jefferson, Bukka White, “Mississippi” Fred McDowell, Eddie Cusic e David “Honeyboy” Edwards, lo hanno reso famoso, inizialmente nel Centro Italia e, successivamente, in tutta la penisola. Dopo l’iniziale esperienza coi Papa Leg Blues Band Pierluigi incontra Marco Tinari col quale – nel 2005 – inizia l’avventura Papa Leg Acoustic Duo dove il Delta Blues Sound mississippiano diventa il vero centro d’attenzione e il duo si esibirà in alcuni dei principali festival italiani (Trasimeno Blues, Rootsway, Ameno Blues, Liri Blues, ecc..) ed esteri con tour europei (Polonia, Finlandia, Svizzera, Olanda, ecc..) e in USA (Mississippi e Tennessee) dove avranno la possibilità di collaborare con tantissimi artisti come Jimbo Mathus, Olga Munding, Rich Del Grosso, Bill Abel, Jon Short, Elam McNight, registrando anche due apprezzati CD: Railroad Blues (2007) e Back To Mississippi (2009). Dal 2011 inizia la carriera solista di PG con un continuo peregrinare per le polverose strade del blues, anche in compagnia di vecchi amici come Johanna Pilarska, Jacqueline Telford, Beppe “Harmonica Slim” Semeraro e Max Prandi e tornando in sala d’incisione prima come ospite di Paola Ronci e della Jona’s Blues Band per, poi, approdare al suo primo lavoro solista, quell’At Home (2015) che tanto successo ha riscosso dalla stampa specializzata coronando questo debutto discografico con partecipazioni ad importanti festival in Italia e Polonia e aggiudicandosi il terzo gradino di un fittizio podio alle selezioni italiane dell’International Blues Challenge. Un musicista sensibile e preparato che saprà stupire il proprio pubblico con la bellezza e la semplicità del blues più puro. Il 2016 lo vede nuovamente in sala di registrazione per la costruzione di un altro importante tassello nella sua discografia: Tales And Other Stories, ennesima conferma della bravura e sincerità di PG Petricca.

Photo by B.Wawrzyniewicz

 

Per ulteriori info e contatti

Contatti
Per tutte le informazioni sul mondo A-Z Blues compila la form oppure inviaci una email a: info@a-zblues.com
Inserisci il tuo Nome
Inserisci il tuo Cognome
La tua Città
Inserisci una tua email valida alla quale potremo rispondere
Indicaci un tuo recapito telefonico
Scrivici le tue impressioni o quesiti.