Il gruppo  dei Gospel Book Revisited (spesso abbreviato in #GBR sui social) nasce a Torino nel 2014 attorno a quattro giovani musicisti che rispondono al nome di Camilla Maina (voce), Umberto Poli (chitarra), Gianfranco Nasso (basso) e Samuel Napoli (batteria).

Già nel nome della band troviamo tutte le principali coordinate del progetto, ovvero la passione per la musica nera e le sue radici, che è infatti il collante principale di musicisti con percorsi anche distanti, ma legati alla tradizione, e la black woman che accompagna il logo – disegnata dalla brasiliana Carol Rossetti – ne è l’immagine perfetta.

La rivisitazione è assunta a metodo, punto d’equilibrio tra filologia e creatività. Il live, evocato dal “libro di canti”, è la dimensione privilegiata in cui generosamente dare l’anima, o meglio il soul, in particolare per un gruppo che si ispira alle jam band statunitensi. Ma l’idea iniziale di celebrare le grandi interpreti femminili della tradizione afroamericana rileggendone i classici vira presto in un più ampio omaggio al blues.

Alla riscrittura si affianca la scrittura, portando all’integrazione del repertorio di cover con brani originali. E l’energia e la libertà del palco vengono messe alla prova dello studio di registrazione. “Won’t You Keep Me Wild?”, primo autoritratto dei Gospel Book Revisited in forma di EP e realizzato con il supporto di Guitar Club e di A-Z Blues, arriva dopo questi rapidi scatti di crescita: “il diavolo e la sua musica” intrappolati in studio per un trattamento rock, secondo una scaletta fatta non solo di standard rivisti e corretti ma anche di due inediti firmati dalla stessa band.

Non resta che avvicinarsi a questo strano mix di sacro e profano, ancora una volta affidato ad una cantante femminile, ben integrata in un quartetto che lavora a pieno ritmo come un motore ben oliato, e promette scintille sia su disco ma soprattutto dal vivo, con esibizioni che sanno differenziarsi di volta in volta, proponendo, a seconda dell’esigenza del momento, varianti con set sia elettrici che acustici!

Sabato 13 Ottobre 2018, in occasione della 9° edizione di Blues Made In Italy, i Gospel Book Revisited hanno presentato “Stay Wild – Live On Tour 2017-2018“, un sorprendente disco dal vivo con otto brani selezionati tra quelli eseguiti nei tanti concerti tenuti su tutto il suolo italiano tra il 2017 e il 2018.

Ma il vero battesimo con l’album ufficiale arriva nell’ottobre 2019 quando esce “Morning Songs & Midnight Lullabies” accolto dalla critica specializzata come evento dell’anno. Un lavoro assolutamente maturo e profondo che vede la presenza di artisti di calibro internazionale, come il chitarrista Luther Dickinson (North Mississippi Allstars, Black Crowes) e nazionali, come l’arpista Cecilia e l’armonicista Fabrizio Poggi.
La presentazione ufficiale dell’album è avvenuta il giorno 17 ottobre presso lo SpazioTeatro 89 di Milano, in apertura ai NMA e, anche in quell’occasione Luther Dickinson si è esibito assieme alla band in “Mine”, uno dei brani più apprezzati del nuovo album.


Per ulteriori info e contatti

Contatti
Per tutte le informazioni sul mondo A-Z Blues compila la form oppure inviaci una email a: info@a-zblues.com
Inserisci il tuo Nome
Inserisci il tuo Cognome
La tua Città
Inserisci una tua email valida alla quale potremo rispondere
Indicaci un tuo recapito telefonico
Scrivici le tue impressioni o quesiti.