header-sito-AZ

Eclettico e preparato musicista, Matteo Sansonetto è – nonostante la giovane età – uno dei più attivi Bluesman della scena italiana. Chitarrista dallo stile tipicamente influenzato dalle sonorità del Chicago Blues, è dotato di una notevole voce soulful e di uno stile chitarristico grintoso ed essenziale, che danno alla sua musica il tipico sapore del West Side. Tante, anche, le collaborazioni che lo hanno portato a dividere il palco, o lo studio di registrazione, con artisti del calibro degli statunitensi Billy Branch, Omar Coleman, James Thompson o dei nostri Enrico Crivellaro, Breezy Rodio, Lorenz Zadro (solo per citarne alcuni) ed ha accompagnato in tour artisti stranieri di gran fama, come Pistol Pete (Usa), Carl Wyatt (IRE) e Archie Lee Hooker (USA), nipote del compianto John Lee Hooker. Il suo peregrinare tra il natio Veneto e gli USA hanno determinato che il suo stile si affinasse sempre più, fino ad arrivare, nell’estate 2014, nel Joy Ride Studio, a Chicago, dove Matteo ha registrato il suo ultimo disco, in cui suonano leggende della scena Blues come il chitarrista Lurrie Bell, gli organistii Chris Foreman e Roosevelt Purifoy oltre agli amici di lunga data Breezy Rodio, Brian Burke, Marty Binder, Jen Williams, Bill Overton e Doug Scharf, quest’ultimo famoso per la sua lunga collaborazione con Ray Charles. Nei numerosi live italiani la Blues Revue di Sansonetto conferma quanto di buono è scaturito nelle tracce dei recenti CD My Life Began To Change e l’ultimo I’m Still Around usciti per l’etichetta statunitense Wind Chill Records.



Persona solare, sempre pronto alla battuta e allo scherzo che ti contagia per la sua vitalità, quando sale sul palco si trasforma diventando un vero “animale da palcoscenico” tutto grinta e chitarra garantendo uno spettacolo intenso anche nella parte visiva dove vengono curati i particolari, come nella migliore tradizione del blues della windy city. A testimonianza di ciò il grande successo del tour estivo 2016 assieme a James “Boogaloo” Bolden, storico trombettista leader della band di B.B. King. Uno spettacolo che, almeno una volta nella vita, bisogna vedere per poter dire “Io c’ero!”. Questo è il Blues della Matteo Sansonetto Blues Revue, un rincorrersi di note tra la chitarra e la voce del leader e i fiati che creano quel pathos tipico delle big band e con una sezione ritmica che detta magistralmente i tempi.

Nel 2017, durante l’undicesima edizione del festival Giais On The Rock a Giais di Aviano (PN), Matteo Sansonetto e la sua Blues Revue hanno condiviso il palco con Sir. Waldo Weathers, membro della James Brown Band.
Anche il 2018 regala grandi emozioni e collaborazioni al chitarrista veneto: Matteo ospita sul palco per tre sere consecutive il pianista e sessionman di Chicago, Ronnie Hicks. Tre serate queste di grande valore artistico in cui Blues e Funk hanno entusiasmato il numeroso pubblico in platea.

Dopo il successo di My Life Began to Change, Sansonetto decide che è il momento di pubblicare un nuovo album: “I’m Still Around” del 2019 è stato registrato a Chicago e prodotto da Breezy Rodio che assieme a Matteo è anche co-autore di cinque dei dieci brani presenti al suo interno. Un disco caratterizzato da sonorità moderne e una viscerale passione per il blues della Windy City che emerge in particolare nel pezzo “Talking about Chicago”, in cui il nostro duetta con Dave Specter, altra pietra miliare del Chicago Blues.

Proprio con Specter, Matteo avrebbe dovuto esibirsi in un tour italiano nell’estate 2020, ma l’emergenza Covid purtroppo ha costretto i due musicisti a rinviare tutto all’anno prossimo.


Per ulteriori info e contatti

Per tutte le informazioni sul mondo A-Z Blues compila la form oppure inviaci una email a: info@a-zblues.com