Foto di Riccardo Piccirillo

Poche parole servono per descrivere Fabrizio Poggi, cantante, armonicista e scrittore, che è soprattutto un bluesman noto nel panorama italiano e molto conosciuto in America. Già vincitore del  premio Oscar Hohner HarmonicasFabrizio è l’unico italiano ed europeo a essere stato candidato ai Blues Music Awards  (gli Oscar del blues), oltre che ai Blues Blast Music Awards. Le prime incisioni di Poggi negli Stati Uniti risalgono al 1997 quando registra in Texas Nuther World. Tra il 1998 e il 2002 suona in Texas e Louisiana in celebri e storici locali come l’House of Blues a New Orleans e Antone’s a Austin, Texas. Nel 2006 si esibisce al Center for Southern Folklore di Memphis, e nei juke-joint del Mississippi. In quell’occasione suona al Ground Zero, al Red’s Lounge di Clarksdale, al Walnut Street Blues Bar di Greenville, al Blue Parrot di Greenwood. Nello stesso anno partecipa alla trasmissione televisiva Live at 9 trasmessa da Memphis dalla rete statunitense CBS, ed è ospite al programma radio “King Biscuit Time”. Fabrizio ha suonato nelle maggiori capitali europee e in grandi città come Londra e Parigi e nei maggiori festival europei, numerosi i suoi tour negli Stati Uniti a partire dagli anni ’80.  Di lui Dan Aykroyd, l’Elwood Blues dei Blues Brothers ha detto che “è un armonicista da paura!” Ha inciso ben 22 album, di cui molti registrati negli Stati Uniti. Poggi ha suonato con artisti provenienti dal mondo del blues, del rock e della canzone d’autore tra cui Garth Hudson di The Band e Bob Dylan, The Blind Boys of Alabama, Marcia Ball, Jerry Jeff Walker, Ronnie Earl, Kim Wilson, Bob Margolin, Zachary RichardFlaco JimenezCharlie Musselwhite, Little FeatJohn Hammond, Eric Bibb, Guy Davis, Ruthie Foster, Mike Zito, Carolyn Wonderland, Steve Cropper, The Original Blues Brothers Band, Richard ThompsonSonny Landreth, David Bromberg, Jimmy LaFave, Billy Joe Shaver, Augie Meyers, Ponty Bone, Otis Taylor e tanti altri.  In Italia ha suonato con Eugenio Finardi, Enrico Ruggeri, Gang, Luigi Grechi De Gregori, Danilo Sacco (Nomadi), Francesco Baccini e tanti altri. Viene anche citato in due libri di Massimo Carlotto come uno dei grandi del blues. Nel febbraio del 2016 suona con Guy Davis alla Carnegie Hall di New York per il Lead Belly Fest insieme a grandi artisti come Eric Burdon, Buddy Guy, Marky Ramone e tanti altri. Nel settembre dello stesso anno esce per l’Appaloosa Records, Texas Blues Voices, con cui ha vinto il Jimi Award 2016 come miglior disco internazionale, che vedeva tra gli ospiti: Ruthie Foster, Mike Zito, W.C. Clark, Carolyn Wonderland, Lavelle White, Bobby Mack, Shelley King, Mike Cross e Guy Forsyth. Poggi ha inoltre scritto diversi libri sull’armonica, sul blues e sulla musica folk, tra cui ricordiamo Angeli perduti del Mississippi: storie e leggende del blues con la copertina di Robert Crumb. Nel gennaio 2017 suona sulla Legendary Blues Cruise con Guy Davis, Taj Mahal, Irma Thomas, Ruthie Foster e tanti altri grandi artisti.  Sempre nel 2017, e più precisamente il 24 marzo, è uscito per la prestigiosa etichetta americana MC Records l’attesissimo album Sonny & Brownie’s Last Train, frutto della collaborazione tra l’ambasciatore del blues Guy Davis e il grande armonicista italiano continuando, così, l’idillio nato tra i due artisti e testimoniato dal precedente album – uscito per l’etichetta Dixiefrog – Juba Dance, salito nelle prime posizioni nella Hit Parade Blues Usa Top 50. Quest’ultimo lavoro è un omaggio al duo Sonny Terry & Brownie McGhee, storica coppia di bluesmen capace di creare un magico e fantastico mix musicale. Un lavoro particolare questo di Davis e Poggi, perché pochissimi artisti si sono cimentati nel riproporre le canzoni di questi mostri sacri del country-blues.  E non c’è nulla che Fabrizio adori quanto il soffiare dentro la sua armonica, per suonare la sua musica, una musica quasi via di fuga dalla sofferenza, con cui spezza le  catene per spiccare in volo.

Per ulteriori info e contatti

Contatti
Per tutte le informazioni sul mondo A-Z Blues compila la form oppure inviaci una email a: info@a-zblues.com
Inserisci il tuo Nome
Inserisci il tuo Cognome
La tua Città
Inserisci una tua email valida alla quale potremo rispondere
Indicaci un tuo recapito telefonico
Scrivici le tue impressioni o quesiti.