Posted on Set 26, 2015

Parma, città della buona cucina, di grande storia. Città del benessere e delle tradizioni. Città con i suoi antichi borghi dove, ancora, esiste un commercio “come una volta”, dove i piccoli negozianti sono anche artigiani e ricercatori di quelle minuscole cose che lasciano il segno. Parma che l’autunno la colora e la profuma di caldarroste. Parma che a ottobre si ricorda che la musica è stata forza e marchio di fabbrica di tante generazioni. Parma che diventa blues grazie alla collaborazione con A-Z Blues e l’associazione Rootsway (ideatrice dell’omonimo festival che da 11 anni regala emozioni lungo le rive del Po) e presenta, nei piccoli e affascinanti borghi del centro cittadino, una serie di concerti che, sabato 3 ottobre, faranno da colonna sonora alla grande festa che i commercianti – riuniti sotto il simbolo dell’associazione I Parma e col patrocinio del Comune – vorranno offrire a tutti i passanti. Musica, cibo, mercatini, spettacoli per i bambini coi burattini dell’Associazione Sognambuli e la musica dei Poor Boys e Rufus Party che determineranno il ritmo a questa giornata di festa cittadina. Dalle ore 10,00 alle 20,00 via Nazario Sauro, b.go G. Tommasini e via F. Maestri saranno il centro vitale di questa città con tutti i negozi aperti e allestiti come nelle grandi occasioni, un mercatino di cose che è tutto un programma e lo spazio dedicato ai bimbi con un divertentissimo spettacolo di burattini. Infine alle 18,00 inizieranno i concerti delle 2 band che porteranno tra le strade cittadine la musica americana, quella del Mississippi Blues coi Poor Boys di Stè Barigazzi e Giorgio Pinna e il blues di matrice Soul ma con molto garage dei Rufus Party, dove la voce di Alessandro Bertolotti (nonché bassista della band) verrà supportata dalle chitarre in alcuni tratti lisergiche di Marco Parmiggiani, i ritmi scanditi da Gianluca Lusetti mentre Samuele Seghi ricama fraseggi sui tasti bianchi e neri del suo Hammond. Una giornata che lascerà il segno e permetterà di vivere il commercio di una volta dove i rapporti umani sono ancora una realtà e dove, chi transiterà tra i borghi di Parma, potrà rivivere attimi che richiamano la propria fanciullezza.

Per info: andrea@discoclubparma.it  |  0521 503 009  |  348 427 4621  |  I Parma